NOVITA' 2012: questo sito è ottimizzato anche per smartphone e tablet!

Blog di filatelia, servizi postali e comunicazione scritta: dove discutere e commentare "fuori dai dentelli" fatti, personaggi e novità

Sei qui: Home Nuove Emissioni Italia Nuove Emissioni Carnevale di Fano, francobollo sfortunato: nasce già inutilizzabile
Italia, Nuove Emissioni

Carnevale di Fano, francobollo sfortunato: nasce già inutilizzabile

| 2 commenti

carnevale_di_fano

Inizia in modo confuso il nuovo anno filatelico 2013 dell’Italia (e a cascata, di tutta l’Area): il prossimo 12 gennaio vedrà, infatti,  la luce un francobollo praticamente inutilizzabile singolarmente per affrancare qualunque tipo di  corrispondenza.

Il dentello, che celebra il famoso e antichissimo Carnevale di Fano, esce infatti con il nominale di 60c quando ben sappiamo che dal 1° gennaio 2013 (ma in pratica dal 2 gennaio, essendo il primo dell’anno giorno festivo!) le tariffe postali sono aumentate (e in modo sensibile). Ciò significa per spedire una lettera di 1° porto (20g) per l’interno non bastano più 0,60€ ma ce ne vogliono 0,70€.

Solito pastrocchio all’Italiana, anche perchè sarà ben difficile trovare negli Uffici Postali o presso i Tabaccai, quei “piccoli valori” (0,05€, 0,10€ e 0,20€ che pur sono stati prodotti ma si son visti pochissimo in giro) che potevano servire allo scopo: integrare le affrancature realizzate con i vecchi valori da 0,60€.

Chissà come si stanno comportando agli sportelli postali, anche se probabilmente stanno completando le tariffe utilizzando la TP-Label, vero e proprio passepartout per correggere ogni debolezza del sistema!

Tornando al francobollo in uscita e dedicato al Carnevale della città marchigian nell’ambito della serie “Folklore”, ecco le sue caratteristiche tecniche:

Il francobollo è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in rotocalcografia, su carta fluorescente; formato carta e formato stampa: mm 30 x 50,8; dentellatura: 13½ x 13½; colori: cinque; tiratura: due milioni e cinquecentomila esemplari; foglio: cinquanta esemplari, valore “€ 30,00”; lungo i lati sinistro e destro si alternano lo stemma della Città di Fano, stelle filanti e coriandoli.

La vignetta raffigura alcune maschere legate al carnevale di Fano e il “prendigetto”, un caratteristico contenitore usato dalla folla per raccogliere dolciumi lanciati dai carri durante la festa, ritenuta la più popolare e importante delle Marche e la più antica d’Italia.

Completano il francobollo la leggenda “CARNEVALE DI FANO”, la scritta “ITALIA” e il valore “€ 0,60.

Bozzettista: Maria Carmela Perrini.

A commento dell’emissione verrà posto in vendita il bollettino illustrativo con articoli a firma di Stefano Aguzzi, Sindaco di Fano, del Prof. Alberto Berardi, Presidente della Federazione Italiana Carnevali e di Luciano Cecchini, Presidente dell’Ente Carnevalesca di Fano.

Lo Sportello Filatelico dell’Ufficio Postale di Fano (PU) utilizzerà, il giorno di emissione, l’annullo speciale realizzato a cura della Filatelia di Poste Italiane.

  • ago_69@hotmail.com

    Sembrerà strano, ma alla lunga sarà un francobollo utilissimo. Infatti bisogna sottolineare come Poste Italiane, non abbia mai emesso un francobollo da 1.60 Euro utile, con le vecchie tariffe, per spedire una lettera inferiore ai 20 g. in America, Asia ed Africa. E visto che dal solito e confuso programma delle emissioni filateliche al momento sembre che mancherà un francobollo da 2 Euro che nel nuovo tariffario sostituisce gli invii che prima erano da 1.60, con l’avvento dei primi francobolli da 0.70 proprio questo francobollo sarà quanto mai necessario per formare l’affrancatura da 2 Euro senza rimetterci o cercare gli introvabili tagli piccoli. Con i nuovi valori invece la vedo dura formare un’affrancatura da 2.50 per spedire lettere in Oceania. Certo non è che potevamo sperare che che il 2 gennaio trovassimo presso gli sportelli nuovi francobolli come è accaduto in Germania dove per altro hanno solo leggerissimamente ritoccato le tariffe, ma almeno che venissero programmati francobolli con valori facciali tali da poter soddisfare il nuovo tariffario, bhe questo si. Invece come al solito sembra che assisteremo alla solita accozzaglia di emissioni da 0.70 e ogni tanto qualcuna da 0.85.
    Un saluto a tutti. Agostino

  • salvo

    scusatemi, ma mettendone 2 non si superano i 70 cent? dov’è sto problema?