NOVITA' 2012: questo sito è ottimizzato anche per smartphone e tablet!

Blog di filatelia, servizi postali e comunicazione scritta: dove discutere e commentare "fuori dai dentelli" fatti, personaggi e novità

Cataloghi, Filatelia

Dal 15 ottobre l’Unificato si compra a… pezzi

| 5 commenti

L’idea, a dire le verità, non è nuova. Realizzare e vendere porzioni più piccole di un prodotto editoriale come un catalogo di francobolli, è qualcosa che sta nella natura stessa del collezionismo, dinamico, mai fermo ed in continua espansione. Si pensi, ad esempio, al fascicolo mensile delle novità da tutto il mondo all’interno de l’Arte del Francobollo, o di quanto accadeva con le mitiche “pagine nere” di Cronaca Filatelica.

Quello che, invece, da bravi esperti del marketing hanno pensato alla CIF è di spezzettare il catalogo “Unificato Super” dell’Area Italiana, in porzioni corrispondenti ai capitoli e vendibili separatamente in formato PDF.

La fonte del catalogo è già di tipo “digitale” per cui è bastato suddividere le pagine per argomenti omogenei, disegnare una copertina personalizzata, mettere il tutto online sull’ecommerce di www.unificato.it, et voilà servito un nuovo prodotto, l’Unificato PDF.

Da ora in poi, dunque, chiunque potrà scaricare (pagando un prezzo opportuno) e visualizzare sul proprio PC (ma essendo il formato PDF uno standard, potrà visualizzarlo anche su dispositivi mobili e tablet, dall’iPhone all’iPad passando per tutti i dispositivi Android, Windows, ecc.) la parte di catalogo che più gli interessa con in più la possibilità di stampare le pagine (a colori) ad una buona risoluzione utilizzando la stampante casalinga.

Ecco allora quali sono i 7 “capitoli” in PDF (con i relativi prezzi) scaricabili separatamente:

  1. Antichi Stati Italiani + Regno d’Italia: € 7.90
  2. Repubblica Italiana: € 11.90
  3. San Marino: € 7.90
  4. Vaticano: € 7.90
  5. SMOM: € 7.90
  6. Trieste + Somalia + Occupazioni + Colonie: € 7.90
  7. Europa CEPT: € 7.90

Per scaricare i vari cataloghi basta effettuarne l’acquisto sul sito Unificato e attendere la mail di conferma in cui si troveranno le informazioni necessarie. Si potrà quindi scegliere se copiare il Download-ID (codice alfanumerico) nell’area Scarica Prodotti del proprio account, oppure cliccare sul link diretto. Per accedere all’account personale basta inserire il proprio indirizzo e-mail e la password nello spazio Accesso Clienti, sempre sul sito dell’editore.

L’unico difetto di una distribuzione “online” del catalogo è, naturalmente, la facilità con il quale un file può essere scambiato tra più persone. Ecco perchè alla CIF tengono a precisare che i file PDF sono ceduti con le stesse regole e diritti di copyright dei cataloghi cartacei.

 

5 Comments

  1. Salve. Poco fa ho postato un commento inerente questo articolo, ma non sono certo che sia andato a buon fine. Segnalavo il fatto che parte del testo è stato preso dal mio portale figurineliebig .it (articolo del 9 ottobre 2012 “Unificato Super in PDF”) protetto da licenza Creative Commons. Ben felice di contribuire e aperto allo scambio, purché si citino le fonti, come la licenza stessa prevede. Grazie per l’attenzione e buon proseguimento.

  2. Carissimo Verzellesi, come vede il Suo commento è andato a buon fine!

    Faccio alcune premesse: 1) mi fa piacere che Lei legga Philweb; 2) scopro solo stamattina che Lei ha un blog che parla di filatelia; 3) fino a prova contraria, sono i lettori ad aver riconosciuto a Philweb e al sottoscritto, dopo molti anni di attività, autorevolezza e serietà.

    Detto ciò, il Suo tentativo di fare “scoop” non ha alcuna base di concretezza: non capisco, infatti, per quale motivo avrei dovuto scopiazzare (mi dica quali parti del testo dato che non trovo similitudini!) dal Suo pur grazioso articolo quando avevo a disposizione il più che esaustivo comunicato stampa della Unificato oltre che le mie fonti personali? Le ricordo che pur non essendo io un “giornalista professionista”, faccio questo “mestiere” da anni in modo “professionale ed etico”. Questo significa che 1) non si scopiazza in giro per la rete e 2) se proprio bisogna riprendere testi o immagini altrui, se ne deve citare la fonte. Io faccio proprio così.

    Il Suo commento, pertanto, essendo del tutto privo di fondamento, lo prendo come un “simpatico” contributo a questo articolo e La invito, sin dalle prossime volte, ad essere più cauto in qusto tipo di affermazione.

    Grazie per l’attenzione e buon proseguimento su PHILWEB!!!

    • Gent.mo sig. fdecarlo, non era mia intenzione fare “scoop” bensì semplicemente far notare come L’ELENCO DEI SETTE CAPITOLI DELL’UNIFICATO” sia stato “probabilmente” copiato dal mio di articolo, e non sicuramente dal comunicato dell’Unificato o da altre parti. E’ palese data la forma con la quale è stato scritto: palese perchè il mio elenco differisce da quello di Unificato per il fatto che io ho scelto di scrivere “Regno d’Italia” e non solo “Regno” (passi). Palese perchè ho scritto “Europa CEPT” con le 4 maiuscole della parola CEPT … concludo con i due punti alla fine di ogni capitolo seguiti da uno spazio e dalla lettera “€” seguita poi dal prezzo … certo potrebbe trattarsi di una serie di casi fortuiti di estrema coincidenza e del resto – lo ripeto – mica me la sono presa. Ma voltermi far credere ora a TUTTE queste corrispondenze come casuali … suvvia … siamo sinceri …

      Come vede il mio commento non è propriamente privo di fondamento, tanto è vero che la stessa cosa è stata notata da altri che prontamente me l’hanno segnalata (col sorriso … in fondo si tratta di un banalissimo elenco). Sarebbe stato, a mio avviso s’intende, più corretto segnalarne semplicemente la fonte, senza volerla citare una seconda volta, in modo da evitare continui scoop.

      Tutto qua … ancora una volta senza rancore … ma anche con l’intenzione di non voler passare proprio per fessacchiotto.

      Sono un vostro lettore da tempo ed apprezzo molto il vostro contributo editoriale in ambito filatelico. Colgo l’occasione per complimentarmi nuovamente per il vostro gradevolissimo portale.

  3. Onestamente è la prima volta in vita mia che mi trovo nella condizione di dover affrontare argomenti del tutto personali in pubblico. Mi scuso, pertanto, in anticipo con gli amici e i lettori di queste mie pagine se userò questo spazio per far valere le mie ragioni. Perchè… io ho ragione 🙂

    Premetto che andare in giro a dire che qualcuno ha “copiato” qualcosa se non è grave dal punto di vista legale lo è dal punto di vista etico.

    Il sig. Verzellesi afferma con certezza, salvo utilizzare un mucchio di “se”, “forse”, “chissà”, “probabilmente”, che io “avrei” scopiazzato dal suo sito un banalissimo “elenco” di parole (ovvero l’elenco dei capitoli dell’Unificato PDF che vedete qua sopra). Avrei potuto capire il suo tono se avessi scopiazzato parti del suo prezioso articolo Creative Commons. Invece, “avrei” solo scopiazzato un elenco. Elenco che ho già dichiarato di aver ripreso dal comunicato stampa dell’Unificato.

    Ma anche su questa mia “certezza” il Sig. Verzellesi ha perso l’occasione ultima di tacere dato che il mio nome non lo sprecherei mai per scopiazzare testi scritti da altri. Ammesso che un elenco ripreso dall’Unificato, si possa chiamare “testo scritto da altri”.

    Ed allora,caro Sig. Verzellesi, ecco il comunicato stampa originale dell’Unificato:

    http://www.philweb.it/p2012/wp-content/uploads/2012/10/Comunicato_stampa_cataloghi_PDF.pdf

    Lo scarichi, lo esamini, controlli che il file sia originale e non taroccato e poi, a meno che non voglia chiedere scusa per essere andato fuori palesemente fuori tema, La invito per le prossime volte ad avere ancor più cautela di quella che Le ho gentilmente consigliato di avere nel mio precedente messaggio.

    E per questa volta, sono io a lasciar correre… senza rancore!

    PS: Detto questo mi scuso con i lettori ancora una volta e conto di cancellare questo thread del tutto offtopic (oltre che offensivo) da Philweb nelle prossime ore.

  4. Caro sig. fdecarlo, in tutta franchezza temo che la situazione sia sfuggita anche a me dalle mani. Fin dall’inizio non era mia intenzione sollevare un tale polverone per un banalissimo elenco (quale è). Pertanto, con la massima sincerità, le chiedo scusa non per averla offesa in qualsivoglia modo, ma proprio perchè questo thread effettivamente è decisamente fuori luogo e può essere solo motivo di malumore. Mi auguro in futuro di avere altre possibilità di scambio anche con lei ben più interessanti e spero sinceramente che il presente messaggio possa contribuire, almeno in parte, a placare le acque. Detto questo, le avrei scritto volentieri privatamente, ma non ho trovato il modo per farlo … imparerò … Buon proseguimento.

Lascia un commento

Required fields are marked *.