NOVITA' 2012: questo sito è ottimizzato anche per smartphone e tablet!

Blog di filatelia, servizi postali e comunicazione scritta: dove discutere e commentare "fuori dai dentelli" fatti, personaggi e novità

Italia, Nuove Emissioni

La tradizionale processione della Sciuta dedicata a San Paolo

| 0 commenti

Arriva domani 6 novembre (ma l’immagine è stata diffusa soltanto stamattina) la cartolina postale da 0,60€ celebrativa del 1950° anniversario della visita di San Paolo di Tarso presso l’antica Akrai, oggi Palazzolo Acreide.

Nella cittadina siracusana, di cui il Santo è patrono principale e al quale sono dedicati grandiosi festeggiamenti il 29 giugno, Paolo di Tarso giunse per incontrare le piccole e minacciate comunità cristiane dell’entroterra, Akrai appunto e la vicina Casmene (l’attuale Buscemi). Non si trattava di uno dei suoi tre famosi viaggi missionari nel Mediterraneo ma di una delle tappe di avvicinamento che avrebbero condotto il cosiddetto “Apostolo dei Gentili” verso Roma per essere giudicato da un tribunale Romano per le accuse (false) che gli erano state mosse a Gerusalemme e cioè di aver predicato “contro la legge e contro questo luogo” e di aver introdotto un pagano (l’ellenista Trofimo di Efeso) nel recinto del tempio riservato agli Ebrei.

Il culto di San Paolo a Palazzolo Acreide è sentitissimo da tutta la popolazione e vive il Suo momento apicale durante la festa patronale in ricordo del martirio del Santo: durante la processione della “Sciuta”, spettacolare e antichissima lungo le strada della cittadina, la statua di San Paolo viene accolta sul sagrato della Basilica (dal 2002 patriminio mondiale dell’Unesco) dalle cosiddette “nzaredde” ovvero lunghe striscie di carta colorata a rappresentazione di serpenti, dal grande impatto scenografico.

Ed è proprio alla Sciuta che viene dedicata la Cartolina Postale in uscita il 6 novembre, che presenta un’impronta di valore decisamente “originale” (per non dire “inusuale” e “impropria”) in quanto simile ai francobolli tradizionalmente dedicati al folklore italiano, stretti e alti, poco adatti a stare su una cartolina.

Per chi volesse saperne di più su questa festa consiglio il sito sanpaolopalazzolo.org.

Caratteristiche tecniche rilevate dal Decreto 17 settembre 2012 (Gazzetta Ufficiale n. 232 del 4 ottobre 2012)
E’ emesso, nell’anno 2012, una cartolina postale celebrativa del 1950° anniversario della visita di San Paolo di Tarso presso l’antica Akrai, oggi Palazzolo Acreide, nel valore di € 0,60.
La stampa e’ a cura dell’Officina Carte Valori dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in offset; carta: bianca da 250 g/mq; colori: policromia; bozzettista: Maria Carmela Perrini; formato della cartolina: cm 14,8 × 10,5; tiratura: duecentocinquantamila esemplari.
Il recto della cartolina postale reca: in alto a destra, entro un riquadro fluorescente, l’impronta di affrancatura raffigurante, in
primo piano, la processione religiosa di San Paolo a Palazzolo Acreide e, sullo sfondo, la facciata della chiesa dedicata al Santo.
Completano l’impronta di affrancatura le leggende «PALAZZOLO ACREIDE», e «A SCIUTA», la scritta «ITALIA» e il valore «€ 0,60»; in basso a destra, quattro righe continue con le indicazioni «C.A.P.», «LOCALITA’» e «SIGLA PROV», per l’indirizzo del destinatario; in alto, a sinistra, un riquadro con la leggenda «CARTOLINA POSTALE» e le indicazioni «MITTENTE», «VIA», «C.A.P.», «LOCALITA’» e «(SIGLA PROV)»; in basso, a sinistra, e’ riprodotto un particolare della statua di San Paolo di Tarso e la scritta «1950° ANNIVERSARIO DELLA VISITA DI S. PAOLO DI TARSO PRESSO L’ANTICA AKRAI OGGI PALAZZOLO ACREIDE».

Lascia un commento

Required fields are marked *.